Pagine

domenica 29 aprile 2012

Il Miracolo della Madonna del Sangue

 Oggi ricorre l'anniversario del Miracolo della Madonna del Sangue di Re.
Il miracolo avvenne infatti il 29 aprile 1494, in uno sperduto paesino tra le montagne, Re, con l'effusione miracolosa del sangue da un affresco raffigurante una Madonna del latte, dipinta sulla facciata della chiesa.
Il prodigioso evento fu causato da un gesto sacrilego, compiuto da Giovanni Zuccone che, perdente al gioco della piodella (gioco che consisteva nel tirare un sasso appiattito, la "piodella", contro un cilindro di legno su cui ognuno aveva posto una moneta; vinceva chi riusciva a far cadere le monete vicino al proprio sasso)scagliò la sua piodella contro l'immagine della Madonna colpendola alla testa.
L'effusione di sangue durò 20 giorni ed è documentata in due pergamene: una del tempo del miracolo e l'altra del 1500.

Accanto alla piccola chiesa dell' epoca  è stato costruito un imponente Santuario di stile bizantino-rinascimentale,  insignito del titolo di Basilica Minore.
In un tabernacolo sul retro dell'altare sono conservare in un'ampolla di cristallo pezzuole di stoffa intrise del sangue miracoloso.
Testimonianza della grande devozione popolare sono le centinaia di ex voto che tappezzano le pareti della Basilica.


 Veduta esterna 
dell'imponente Santuario




ed il suo interno con le stupende vetrate







Le tracce del sangue sull’immagine del miracolo sono quasi scomparse; si possono individuare solo con strumenti ottici. Una indagine scientifica sia sull’affresco sia sulle reliquie del sangue è stata eseguita dal prof. Judica Cordiglia di Torino nel 1962. Il contenuto dell’ampolla ha fatto riscontrare lo spettro inconfondibile dei componenti del sangue; e le stoffe sono risultate tessuti dell’epoca del miracolo; mentre l’esame radiografico della testa della Madonna ha messo in evidenza la frattura della parte frontale causata dallo spigolo di un corpo contundente di forma piatta (la piodella).L’indagine del Cordoglia ha pure evidenziato un particolare sorprendente sfuggito ai testimoni oculari al tempo dell’effusione: la colata di sangue, anziché scorrere sulla parete liscia dell’affresco, avrebbe percorso il volto della Madonna e del Bambino come se fossero due persone reali.


 

L’affresco della Madonna di Re raffigura con uno stile romanico bizantineggiante una delle Madonne del latte. Seduta in trono con Gesù Bambino benedicente sulle ginoccia,  nella destra ostenta tre rose, il "fiore dei vergini" e il simbolo del Rosario.

Ai piedi dell’immagine la scritta "In gremio Matris sedet sapientia Patris" ("In grembo alla Madre sta la sapienza del Padre ") .
 Il pittore della Madonna di Re è anonimo non avendo lasciato la firma né su questo affresco né su altre opere da lui dipinte con uguali caratteristiche. 

 

Ancora oggi nelle case di Re e della Valle Vigezzo e Valli limitrofe, del Lago Maggiore e del Canton Ticino l’immagine della Madonna del Sangue ha un posto di onore; inoltre la sua figura   appare dipinta dovunque sui muri esterni delle abitazioni e sulle umili casere degli alpeggi.



A destra vecchio affresco sul muro  di una baita e a sinistra moderna piastrella sulla facciata di una casa







Anche in me è molto forte la devozione verso la Madonna di Re, che oggi ricordo particolarmente e simbolicamente le offro questo umile cuscinetto.
"Una rosa,  regina dei nostri  giardini, a Maria, la regina del giardino di Dio.".

















3 commenti:

  1. Che piacere conoscerti, mi piace molto la storia della Madonna del sangue, non la conoscevo. Belli i tuoi lavori, grazie per essere passata a trovarmi, a presto M.Grazia

    RispondiElimina
  2. Adoro le rose e in questo mese cade proprio a fagiolo questo tuo stupendo lavoro! Complimenti!

    RispondiElimina
  3. Bello questo post e bello il tuo lavoro. Un abbraccio
    Emi

    RispondiElimina